ITA Classe Italiana D-ONE

italy largeBenvenuto nella sede dell'Associazione ITA D-ONE Class dove potrai trovare tutte le ultime notizie e chattare su questo emozionante single hander di Devoti Sailing.

La classe ITA D-ONE opera attraverso la D-ONE International Class Association, che ha un rappresentante per ogni paese. Il segretario di classe per l'Italia è: Tommaso Buzzi

sticker campionato italiano open 2021 gif Andres and tommy

 

 

 

 

 

 

 

23-24 ottobre 2021 - Dopo lunga inattività si è finalmente riunita la classe italiana, per celebrare l'annuale rito del campionato. I partecipanti sono stati numerosi, grazie anche alla presenza di graditi amici stranieri che hanno affrontato la trasferta provenienti da Francia e Svizzera.
Graditissima è stata anche la presenza di ben due nuovi timonieri Italiani, Benvenuti Gianluca e Renato!

 Un primo sentito ringraziamento va dunque ad Andres, Emmanuel e Patrick per aver partecipato attivamente al nostro agognato appuntamento. Il gruppo di Italiani quindi era composto da otto partecipanti, cui si sono aggiunti i tre "stranieri" in visita.

 


 

YCI genovaSunset on YCI genova

Le regate si sono svolte a Genova, presso il prestigioso Yacht Club Italiano, al porticciolo Duca degli Abruzzi. Si tratta di una istituzione storica della vela Italiana, molti campioni sono cresciuti e si sono allenati in quese acque. Ha il vantaggio di essere praticamento siutato nel centro cittadino, ottima posizione per i residenti, ma anche lo svantaggio di dover bordeggiare vicino ad enormi navi operative per poter uscire.


windguru 30 knots gustsgusts mapSi è regatato soltanto il sabato, a causa della brezza sostenuta che ha accompagnato i concorrenti fino dalla mattina. Le previsioni avevano annunciato che sarebbe stato un week-end ventilato, ma pochi si aspettavano questa intensità che ha messo in difficoltà alcuni dei partecipanti. Per fortuna che altri hanno invece sostenuto bene la pressione e sono riusciti anche a divertirsi. Windguru ed il consorzio ligure di metereologia LAMMA avevano messo tutti sull'avviso....

 


partenza timidaPur con queste premesse la prima prova è partita in orario, con (quasi) tutti i concorrenti schierati. Più difficile si è dimostrato tagliare la linea al momento esatto del via e più di un timoniere si è presentato in ritardo. Dopo la partenza il gruppo si è allungato e già alla prima boa era evidente il vantaggio dei più forti. Le raffiche hanno condizionato la prova; è stato necessario mantenere lucidità e concentazione per interpretare correttamente i cambi di intensità e di direzione, cosa non facile se nel frattempo si sta combattendo con l'attrezzatura in condizioni limite. Quattro timonieri non sono riusciti a concludere la prova ed hanno dovuto ritirarsi.

 


 la tiro su io!

Tutti i partecipanti hanno subito almeno una scuffia, alcuni molte di più. E' stato riportato che un timoniere molto forte abbia scuffiato mentre si trovava in posizione di vantaggio, e che pochi minuti dopo fosse di nuovo in testa al gruppo, infliggendo profonde ferite all'onore ed al morale degli altri timonieri.

Si narra anche di uno dei veterani che dichiara di aver scuffiato 12 volte. Ammiriamo esterrefatti la sua forza, la sua abilità e la fermezza della sua volontà. Dal punto di vista di chi si è ritirato prematuramente non si può che sperare di imparare qualcosa da persone di livello così elevato, sperando che continuino a infondere motivazione e impulso alle nuove leve con tale fulgido esempio.

 


rotta e distanza durante la prima giornataDurante la prima giornata si sono svolte quindi due prove che hanno visto in testa Alessandro Novi, primo in entrambe le prove, seguito da Tommaso Buzzi e da Paco Rebaudi. Ottima la prova del Segretario di classe che si conferma agguerrito ed in costante miglioramento. A lui ed a tutti gli altri vivissimi complimenti per l'ottima giornata.

Il valore dei contendenti è accresciuto anche dalla distanza che separava il campo di regata dal porto, che alla fine della giornata ha fatto si che si percorressero quasi 23 miglia marine tra l'uscita ed il rientro, che non è stato facile per nessuno. La velocita massima di 16 nodi rende l'idea di quanto la giornata sia stata impegnativa, mentre la frequenza massima di 130bpm di questo timoniere depone solo a favore della sua ottima forma fisica.

 

 

 

 

 

 


 

Alessandro ritira la coppa

Poichè la domenica il vento è ulteriormente rinforzato, si è deciso di non regatare, anche in relazione ad una certa pressione da parte del comitato di regata. E' stata una decisione difficile, avversata dai più forti, che avrebbero comunque voluto competere.

La classifica del sabato dunque è divenuta finale ed Alessandro Novi si è quindi confermato Campione Italiano 2021 classe D-one.

Da tutti noi che fatichiamo a concludere una prova senza scuffiare, che vediamo per tutta la regata solo i timoni delle altre barche, che conduciamo tutta la regata in "modo sopravvivenza", vanno ad Alessandro le più vive felicitazioni per questo rinnovato e meritato titolo.

Di Alessandro stupisce la naturalezza e la competenza con cui porta la barca, il suo trovarsi a suo agio in ogni condizione, la sua motivazione che non mostra tentennamenti e la sua preparazione fisica. Tutto questo unito ad una amichevole modestia che lo rende anche un grande compago di barca. Personalmente, ritengo Alessandro un esempio da imitare ed un velista da ammirare.

 

 


Classifica finale:

Finalmente in linea la versione in italiano delle famose "lessons for lockdown" di Nick Craig.

Scaricate l'utile pdf da qui: Guida ai settaggi di Nick

Per la tabella con il riassunto dei settaggi: Tabella da mandare a memoria

Approfittate di questo periodo di inattività per studiare ed analizzare questo prezioso contributo. Contiene informazioni davvero utili e nessuno può davvero dire di conoscerle tutte.

A nome della Classe Italiana D-One, mi sento di ringraziare di cuore l'amico Nick per aver voluto condividere queste note. Ho conosciuto molti bravi velisti avari dei loro "segreti", ma i velisti eccezionali si riconoscono proprio dalla propensione a condividere le conoscenze, incoraggiando i colleghi. Anche per questo ritengo che Nick sia un vero campione.

Grazie Nick!

Tommaso Buzzi

 

italian d-onersLa seconda metà di Giugno ha visto uno sparuto gruppo di d-oners tentare un allenamento, tra restrizioni ancora in vigore e ingorghi di traffico.

Nel week-end del 20-21 giugno, con una estensione a lunedì 22, il Segretario ed altri tre entusiasti provenienti dal nord Italia, si sono dati appuntamento a Marina degli Aregai per cercare di placare la crisi di astinenza da D-one.


 

IMG 20200619 WA0010Dopo un viaggio più o meno lungo per tutti e tre i convogli, si sono finalmente trovati in una deliziosa località di mare scarsamente frequentata a causa dell'epidemia e con ampio spazi per posizionare le barche.


A disposizione dei partecipanti uWhatsApp Image 2020 10 15 at 152139n comodo scivolo all'interno del porto, con il difetto di dover bordeggiare tra yacht miliardari per uscire.

 


training reportIl tempo è stato, conformemente alle previsioni, bello stabile con abbondanza di sole che ha ripetutamente baciato il gruppetto di giovanotti. Purtroppo, i venti a regime di brezza si sono mantenuti estremamente leggeri, intorno ai 7-8 nodi di massima con solo alcune ore con un guizzo di 15 nodi che ha permesso di togliere un pò di patina da lockdown alle abilità in planata. A causa delle piccole dimensioni del gruppo, non era previsto alcun mezzo di assistenza ed i rientri in assenza di vento ne hanno risentito, così come la raccolta di prove iconografiche. Le scarse foto realizzate testimoniano che è stato possibile affinare soltanto le doti di "bavettaro", rimandando il training da "sventolari" ad una prossima occasione. Le velocità massime raggiunte nei momenti di brezza leggera non sono entusiasmanti, ma anche allenare la capacità di muovere la barca senza vento è importante.

ita 207 on her way to marina aregai

michele


Adesso non rimane che rimpiangere quei giorni, che alla luce degli eventi attuali, non torneranno presto. Di certo a tutti e quattro mancheranno le belle giornate di sole passate in barca cercando di percepire la brezza sulle guance, il piacere di un bagno nei momenti di patàna e l'intenso sapore, decisamente salato, degli spruzzi durante le due-tre planate che siamo riusciti a sparare. Anche la piacevole ricercatezza dell'alloggio che è tato scelto per ospitare i partecipanti ricorre alla mente in questi giorni di autunno. Pomposamente ribattezzato "Casa D-One Italia" ha contribuito a ricordare a tutti la bellezza della costa ligure e l'importanza della buona compagnia, in questi giorni divenuta nostro malgrado pericolosa. Resta invece la consapevolezza che una classe piccola come la nostra ha bisogno di eventi come questi, organizzati da persone che si sentono legati da una passione ma anche amici, con un rapporto che vada oltre la sana competizione sportiva. L'esperienza di quello che forse rimarrà l'unico evento della classe Italiana D-One di questo anno insegna che comunque si deve andare avanti e che l'importante è divertirsi con questa sensazionale barca.

ligurian sea

casa italia 1

Circolo Nautico Alassio 20th – 24th September
foto alassio podium d one 960x630

20 Done provenienti da sei diverse nazioni si sono raccolti nella splendida citta costiera di Alassio, sulla riviera ligure di ponente, per il campionato Europeo 2017.

Il gruppo dei regatanti ha quindi potuto godere di una serie di gradevoli mattinate trascorse nei caffè sulla spiaggia o in chiaccherate tra amici in mezzo alle barche, seguite da pranzi al porto prima di uscire in mare, nel piacevole sole pomeridiano per disputare un paio di prove.

Le brezze leggere hanno prodotto regate molto combattute per tutta la flotta, con necessità costante di scelta tra direzione del vento ed intensità. In ogni prova ci sono stati guadagni e perdite e per diverse prove è stato necessario decidere il vincitore al fotofinish.

c brits4 Imgp8364Nick Craig si è dimostrato più che adeguato nel gestire le condizioni, ed ha conseguito una consistente serie di primi e secondi posti. Ha anche generosamente tenuto un seminario su come si governa un D-one correttamente che è stato molto apprezzato e davvero efficace, tanto che Chris Wallis e Gilles Chipperfield sono riusciti a vincere le due successive prove, così come Enrico Ciferri che ha vinto una prova e ne ha condotte un altro paio.

In ogni caso nessuno come Nick è riuscito ad accumulare tanti punti in condizioni così capricciose. Congratulazioni ad un grande Campione.

Nel giorno finale, mentre Nick si era già assicurato il titolo, la seconda posizione è stata piuttosto combattuta tra Giles, Enrico, Marek Bachtik and Chris Sallis . Giles ha vissuto una eccellente giornata con due secondi posti che lo hanno consacrato secondo assoluto e Campione Master; Marek ha navigato al meglio con molta costanza per tutta la settimana ed è arrivato a girare la boa finale terzo assoluto.